Patrimonio bibliografico:

ca. 45000 documenti (cartacei, audiovisivi e multimediali)

Presenza di fondi:

Mappe catastali storiche del Catasto austro-italiano, relative ai vecchi Comuni censuari di Montereale Valcellina e San Leonardo.

Particolarità:

Sezioni speciali: Biblioteca di archeologia ; Inquisizione (Sez. Locale) ;  pedagogia e socio-antropologia ; illustrazione per l’infanzia.

Breve storia della Biblioteca:

La biblioteca è stata istituita all’unanimità il 17 aprile 1969; il Sindaco di allora chiese al maestro Aldo Colonnello se fosse disposto a seguire un corso per bibliotecario e, a seguito del suo consenso, cominciò un lungo percorso di collaborazione nel fornire un servizio che desse l’opportunità a una comunità molto attiva, come è sempre stata quella di Montereale Valcellina, di fruire di un ambiente favorevole  allo studio e alla lettura, mettendo al contempo a disposizione dei cittadini, soprattutto  dei più giovani, uno spazio per stare insieme. La prima sede  della biblioteca comunale fu una stanza al piano terra dell’attuale “Centro sociale Menocchio” e col tempo essa crebbe andando ad occupare uno spazio ben più ampio. Dal 2000 la gestione della biblioteca passò prima a personale dipendente della Cooperativa Guarnerio d’Artegna e poi del Comune. Nel dicembre del 2004 a Palazzo Toffoli, una struttura storica in centro al paese, acquisita e ristrutturata dal Comune, fu inaugurato il Centro Culturale Comunale, ospitante al pianterreno il Museo Archeologico e al primo e secondo piano la Biblioteca, un luogo dove ogni visitatore si sente a casa e dove  protagonisti sono i libri.

Cenni sul territorio:

Montereale Valcellina, con i suoi oltre 4000 abitanti, è un paese posto tra la montagna e la pianura, alle porte della Valcellina. Abitato fin dall’antichità, è una località di notevole interesse storico e archeologico, con le sue testimonianze che vanno dall’età del bronzo all’età romana, per arrivare a quella altomedievale. Nel campo artistico, una menzione particolare merita l’antica Chiesa di San Rocco, dove il coro custodisce i bellissimi affreschi  del Calderari, dedicati alla vita della Vergine e datati tra il 1559 e il 1563. Dalla sacrestia dell’Antica Pieve  si dipana la storia di Domenico Scandella, detto Menocchio, mugnaio vissuto a Montereale nel 1500,  giudicato eretico dal Tribunale dell’Inquisizione e condannato a morire sul rogo e le cui vicende sono narrate nel noto saggio storiografico “Il formaggio e i vermi” di Carlo Ginzburg. Da visitare la Centrale idroelettrica “Antonio Pitter” di Malnisio, splendido esempio di archeologia industriale, che nel 1905 diede la prima luce a Piazza San Marco a Venezia, oggi riconvertita in Museo dell’energia idroelettrica, dove è possibile ripercorrerne la storia e comprenderne il funzionamento. Il territorio di Montereale ha molto da offrire anche da un punto di vista naturalistico, inoltre è di nuovo raggiungibile in treno, essendo una tappa della storica linea ferroviaria “Pedemontana” Sacile-Gemona, riaperta nel 2017 e per ora percorribile fino a Maniago: per il turista un viaggio d’altri tempi  attraverso luoghi dalle svariate e innumerevoli ricchezze.

Attività E servizi PARTICOLARI DELLA BIBLIOTECA
  • Prestito e consultazione in sede dei documenti posseduti
  • Accesso al Sistema Bibliotecario delle Valli e delle Dolomiti Friulane
  • Promozione alla lettura
  • Prestito interbibliotecario / ILL Interlibrary Loan
  • Prestito interbibliotecario e fornitura documenti (DD Document Delivery) a biblioteche fuori sistema
  • Consigli di lettura e consulenza per ricerche / Reference
  • Navigazione Internet
INFORMAZIONI SUL COMUNE
  • Comune di Montereale Valcellina
  • via Ciotti 122, - 33086 - Montereale Valcellina (PN)
  • Tel 0427.798782 - Fax 0427.799373 email: segreteria@com-montereale-valcellina.regione.fvg.it comune.monterealevalcellina@certgov.fvg.it
  • www.comune.monterealevalcellina.pn.it/
Le nostre biblioteche